Nibbio | News | Inanellamento | Paesaggio | Archivio | EMAS | Link | Contattaci | Home
 

La Fondazione Europea Antonio Bana per la ricerca ornitologica sulle migrazioni e per la tutela dell'ambiente - IL NIBBIO (FEIN) - è stata fondata nel 1988 allo scopo di studiare e di promuovere tutte le iniziative atte a contribuire alla conservazione della fauna e degli ambienti naturali in conformità alle proprie finalità istitutive.
E' un'Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS) e agisce quale Organizzazione Non Governativa (ONG) in seno all'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) dal 1995 e in seno al Consiglio d'Europa dal 1999.
La FEIN gestisce gli Osservatori Ornitologici di Arosio - in Lombardia - e Massaciuccoli - in Toscana. Presso l'Osservatorio di Arosio, dal 1977, viene praticata l'attività di inanellamento (il 175.000° uccello, un Tordo Bottaccio, e’ stato inanellato il 14/10/2011) a scopo scientifico delle varie specie ornitiche, in cooperazione con l'Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica e secondo il Progetto Euring.

La FEIN promuove l'Universitè d'Etè, istituita sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, al fine di salvaguardare non solo le tradizioni culturali, ma tutelare l'identità del paesaggio dalle grandi trasformazioni che investono i nostri territori e i luoghi dove abitiamo.
Così è stato durante la prima edizione del 2004 quando i Colloqui di Arosio sul Paesaggio hanno illustrato, in un ampia panoramica di interventi e di laboratori, che cosa può essere inteso con il termine Paesaggio che, di volta in volta, assume le accezioni più disparate (giuridiche, paesaggistiche, architettoniche, naturali, ecologiche, etc.)consapevoli del fatto che le popolazioni che risiedono in un determinato territorio rappresentano gli eredi di chi quel territorio ha creato, modellato e conservato in precedenza.
2005: "UN TURISMO ECO SOSTENIBILE" :si sono approfondite le conoscenze sulle realtà di Bellagio e della Foresta Demaniale dei Corni di Canzo, inteso come turismo eco-sostenibile.
2006: "PAESAGGIO, RURALITÀ ED ENOGASTRONOMIA":si è indagato sulle risorse rurali ed enograstronomiche ,quali ricchezze per la valorizzazione del paesaggio per una corretta filosofia agro-eno-gastronomica.
2007: "IL PAESAGGIO RURALE NELLE AREE PERI-URBANE":sono stati privilegiati i laboratori sulla filiera del benessere periurbano che coinvolge il mondo verde intorno alle grandi città proponendo soluzioni progettuali per accentuare la ricerca volta a migliorare non solo lo spazio per le tecniche di coltivazione, ma anche per accelerare ogni più opportuna azione sul territorio.
2008: "LA CITTÀ AVANZA, LA CAMPAGNA ARRETRA:QUALE RURALITA'?":è stata l'occasione di ricominciare a pensare il "verde" nel contesto del quale sono inseriti elementi a carattere storico-culturale.
2009: "I PAESAGGI DELLA ALIMANTAZIONE RESPONSABILE, DELL'OSPITALITÀ E DELL'ENOGASTRONOMIA": dove sono stati affrontati in modo particolareggiato i paesaggi.

 
 
Osservatorio di Arosio   Osservatorio di Massaciuccoli
 

Presso l'Osservatorio di Massaciuccoli, dal 1980, l'attività di inanellamento riguarda, in particolare, Limicoli e Anatidi, differentemente da Arosio dove ci si rivolge principalmente a Passeriformi. Anche qui sono in atto attività di gestione del territorio in collaborazione con il Parco di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli ed Euroducks Italia.

L'impianto di cattura dell'Osservatorio Ornitologico di Arosio, 45.43N/09.12E, risale a tempi antichi; era già presente sulle carte del 1710 e se ne ha testimonianza archivistica nel 1722 (mappe del Catasto Teresiano). Le costanti operazioni di manutenzione hanno favorito la tutela dell'articolato complesso arboreo di notevole valore storico e architettonico.
L'Osservatorio Ornitologico del Lago di Massaciuccoli è ubicato ai margini del lago stesso, in una preziosa zona umida.
Sotto il profilo cartografico, è indicato nella carta di Leonardo da Vinci (predisposta fra il 1499 e il 1506) dove compare il "lago di Massaciuccoli".

L'attività museale, ivi svolta, prevede itinerari di educazione ambientale per sensibilizzare i giovanissimi alle tematiche ornitologico-ecologiche.
Collabora nella ricerca scientifica e partecipa a convegni nazionali e internazionali. Tra i progetti di ricerca si ricorda quello coordinato, a livello europeo, dall'IMPCF, relativo alla stazione bioacustica, dotata di antenna parabolica, installata in molti paesi del Bacino del Mediterraneo, per registrare automaticamente i richiami emessi dai Turdidi durante il volo notturno di migrazione.
Vengono promossi progetti di gestione del territorio, che prevedono la messa a coltura di particolari semine - sorgo, miglio, etc.- e la predisposizione di pratiche agricole in favore dell'avifauna.
Partecipa, ogni primavera, in collaborazione con gli Enti locali, alla Giornata del Verde Pulito, manifestazione che coinvolge tutti i cittadini per la tutela della natura.

La FEIN promuove l’Universitè d’Etè, istituita sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, al fine di salvaguardare non solo le tradizioni culturali, ma tutelare l’identità del paesaggio dalle grandi trasformazioni che investono i nostri territori e i luoghi dove abitiamo. Così è stato durante la prima edizione del 2004 quando i Colloqui di Arosio sul Paesaggio hanno illustrato, in un’ampia panoramica di interventi e di laboratori, che cosa può essere inteso con il termine Paesaggio che, di volta in volta, assume le accezioni più disparate (giuridiche, paesaggistiche, architettoniche, naturali, ecologiche, etc.); anche con la seconda edizione nel 2005 sul turismo ecosostenibile ha approfondito una tematica molto importante e particolarmente sentita in questi ultimi tempi.
Per il terzo anno consecutivo, nel 2006, la FEIN si è proposta di diffondere la Convenzione Europea sul Paesaggio, quale strumento basato su una nuova concezione del paesaggio, a livello europeo, affrontando il tema della ruralità e l’enogastronomia.

La sezione EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) del Comitato dell’Ecolabel e l’Ecoaudit ha deliberato la registrazione, al n.I-000429, della FEIN per il complesso arboreo di Arosio e per le attività di ricerca e di studio ai fini ambientali svolte all’Osservatorio Ornitologico FEIN.
Attraverso EMAS, un regolamento che, su adesione volontaria a un sistema comunitario di ecogestione e audit, impegna l’Osservatorio ad una costante attività di riduzione degli impatti ambientali mediante la valutazione sistematica, obiettiva e periodica degli elementi essenziali che costituiscono l’ambiente, la FEIN continua la sua azione perché si vuole sottolineare l’importanza della diffusione di nuove metodologie per la gestione dei biotopi e lo sviluppo di attività scientifiche e didattiche tese alla conoscenza, conservazione e valorizzazione della biodiversità, elemento determinante nelle tematiche ornitologiche ed ecologiche a livello europeo.

 
PRESIDENTE
President
Avv. Giovanni Bana
VICE-PRESIDENTE
Vice-Presidente
Prof. ALBERTO QUAGLINO
(Università di Torino Dipartimento Geologia e Ecorisorse)
CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE
Board of Directors

Prof. MARIO GORLANI
(esperto in diritto comunitario e ambientale)

Prof. STEFANO MASINI
(Università Tor Vergata e Responsabile Ambiente e Territorio
Coltivatori Diretti - Roma)

Dr.VINCENZO PILO
(Past Director MIPAF -Ministero Politiche Agricole – Roma

Dr.PAOLO PACINI
(Assessore Provinciale di Livorno)

Prof. MARIO SPAGNESI
(Past Director INFS-Istituto Nazionale Fauna Selvatica- Bologna)

Ing.CESARE SPREAFICO
(Direttore Generale CO.RE.PLA.)


COMPONENTI DI DIRITTO DELLA FAMIGLIA BANA
Avv.GIUSEPPE BANA e Avv. LUIGI BANA

COMITATO SCIENTIFICO
Scientific Committee

Dip.Ornitologico: DR.G.MICALI       
Dip. Scientifico: PROF. A. QUAGLINO 
Dip. Agricoltura: PROF. S. MASINI   
Dip. Ambientale:ING. F: RANZANICI   

COMITATO ESECUTIVO
Executive Committee

Presidente: Avv. G. Bana
Public and Scientific Affaires Dr.ssa P.MAGNANI
Press and Media ALESSANDRA BANA
Consultant DR. MASSIMO MARRACCI
TESORIERE
Treasures
Avv. A. Bana
CONDUTTORI
Conduttori
dell’Osservatorio Ornitologico di Arosio (Como):
    Domenico Conti (collaboratore tecnico)
dell’Osservatorio del Lago di Massaciuccoli (Lucca):
    Beppe Lombardi (collaboratore tecnico)
Anno di costituzione della Fondazione: 08.04.1988
 
 
 
Copyright©2000-09